{Potevo sentire i tuoi occhi su di me…}

Quelle volte in cui la situazione richiederebbe l’intervento di un adulto…

E poi ti ricordi che l’adulto sei TU

#amicièstatobello

Ogni volta che ritiro il bucato è un’emozione… ad esempio: due giorni fa, avevo portato i panni in casa e d’improvviso sono stata attaccata da una falena dall’apertura alare di almeno 10 cm annidatasi sotto il colletto di una camicia. È saltata fuori all’improvviso, le ali facevano proprio “toc, toc, toc”, un fracasso incredibile per un insetto. Ha iniziato a svolazzare qua e là spaventata e imbizzarrita…ed io, già nel panico, ho potuto persino appurare che oltre ad essere la falena più grossa e più brutta che avessi mai visto era pergiunta la più aggressiva. Ho iniziato a correre qua e là urlante mentre lei mi inseguiva per casa (una scena all Benny Hill Show).

Ad un certo punto mi sono persino chiusa fuori sul balcone e le ho urlato “prenditela è tutta tua!” [ed io ero già proiettata verso il trasloco].

Oggi mentre rimettevo i copridivani freschi di bucato per poco non mi ritrovo ad accarezzare questo nuovo piccolo amico.

Avevo di fronte a me due possibilità: acchiappare i gatti e dare fuoco alla casa o farmi coraggio e catturarlo. Ho dovuto optare per la seconda. Mi sono messa la cuffia da doccia (si sa mai mi saltasse nei capelli), i guanti di plastica (per proteggermi da eventuali morsi) e l’accappatoio (non so perchè, forse volevo simulare una corazza o uno scudo protettivo). Poi con un bicchiere ed un supporto rigido per imprigionarlo (una dozzina di urletti da checchina, seguiti da un balzo indietro ogni volta che avevo l’impressione che stesse per muoversi) et voilà.. il pericolo è stato contenuto! Ora.. devo solo trovare il coraggio di trasportarlo fuori e lasciarlo di nuovo libero (o liberA…non so se sia un signore o una signora). Per il momento mi sta fissando… ed io so che in cuor suo medita vendetta (sicuramente non è lieto di dover sottostare alla prigionia)
Riporto di seguito una tabella con alcuni Australian Pets. Bellini vero? Questo esemplare è un comune (per fortuna) ragnetto casalingo. (Si sa mai che se lo adotto poi la prossima volta il bucato lo possa fare lui?)

Annunci

85 pensieri su “ {Potevo sentire i tuoi occhi su di me…}

  1. O madonna. A me sarebbe venuto un attacco di panico immediato e sarei davvero fuggita di casa con le palpitazioni. Non tanto per la falena quanto per la mia aracnofobia…soltanto a vedere la foto…aiuto!! 😱 .
    Mi sento di farti i miei complimenti per aver avuto così tanto coraggio! 😂

    Piace a 2 people

  2. Eh però nel periodo di una storia finita e un’altra che non decolla, in più aggiungi quello delle vacche magre(o addirittura anoressiche che pure loro soffrono di disturbi affettivi ed esistenziali)un ragnetto scuro e pelosetto è meglio di niente che la solitudine. Minimo vi guardate e vi analizzate nel senso della conoscenza. Ne potrebbe anche scaturire un libro, tipo: Dialoghi con il ragnetto australiano, che sicuramente ha una sua specifica peculiarità e anche una robusta filosofia di vita ragnesca, ragnotica, ragnazza e via discorrendo. Che poi la solitudine può portare all’etilismo e quindi al delirio tremens e alla comparsa …, comunque, del(maledetto) ragnetto. Però quello che hai catturato è verosimile nella sua essenza reale e materiale. Mentre quello da etilismo è una proiezione fantasmata. Meglio affrontare il leone e mettere la testa nelle sue fauci che tentennare e creare mostri laddove … sono solo frutto della fantasia(sana, malata o convalescente?)

    Piace a 1 persona

    • Dici che alla fine il mio destino mi avrebbe comunque portata a scontrarmi con un mostro? E sì a quel punto meglio un ragno reale di un ragno immaginario. L’adozione avrebbe potuto essere una soluzione.. chissà.

      Mi piace

    • Oh si.. qui Perth in città i più comuni sono questi o i redback spider. Questi sono innocui ma i redback sono mortali (
      però hai, mi pare, 24h per prendere l’antidoto). Verso Sydney invece devi temere i funnel che si rintanano nelle scarpe o sotto i vestiti stesi. È una giungla! Giusto un mesetto fa stendevo il bucato e vedo uno dei miei gattini che avevo puntato qualcosa… guardo e vedo un bellissimo redback annidato sotto la ringhiera…. ho praticamente afferrato il gatto per la coda e l’ho lanciato in casa… Mai più non li farò uscire mai più…

      Mi piace

  3. Se gli metti un guinzaglio puoi portarlo a spasso, però devi mettergli la museruola, almeno sui mezzi pubblici. Grazie della testimonianza, mi ha fatto riflettere sulla pericolosità del lavare i copridivani.

    Mi piace

    • Ahahahaha eh si per i ragni di grande taglia è necessaria! Comunque davvero…non avrei mai pensato che lavare i copridivani mi avrebbe fatto perdere qualche anno di vita… il pericolo si annida dove meno te lo aspetti.

      Mi piace

    • Ahahhah ricordo una volta ero in macchina con una mia amica.. e ad certo punto sentiamo toc, toc , toc… lei si girae vede una cimice che sbatteva contro i finestrini. Allora accosto mentre urliamo e ci buttiamo fuori dalla macchina chiudendola dentro… fortuna che passava un signore pavido che l’ha catturata o avremmo lasciato la macchina là e probabilmente ce la saremmo fatta a piedi xD

      Piace a 1 persona

  4. Una falena con apertuta alare di 10 cm?! 😨 cose veramente da darsela a gambe 🙈 . E che impressione quel ragnone sotto al bicchiere! Che schiifo 😦 io non so cosa avrei fatto…
    Per fortuna, alla fine sono “eventi” che, a ricordarli, fanno solo sorridere xD

    Piace a 1 persona

    • Buongiorno Aria! Eeeeh diciamo che è la disperazione che ti porta alla consapevolezza di non avere alternative che ti spinge ad agire… alla fine il peggio sarebbe stato lasciarlo libero di scorazzare in giro per casa (e a quel punto chi lo ripigliava più??) Poi, dopo aver letto una statistica che attesta che ogni anno di notte, inconsapevolmente, mangiamo non so quanti tra ragni e insetti nel sonno… ho pensato: se mi casca in bocca questo è come un pasto di due portate! E ovviamente ho pensato: o lo prendo adesso o mai più.. metti poi che si moltiplica? Così ho iniziato ad immaginarmi scenari apocalittici in cui i ragni prendevano il controllo di casa mia… comunque quando vivevo con i miei, rientrando a casa da scuola, trovai un ragno che penzolava appeso alla maniglia della porta d’ingresso… aspettai che mia madre tornasse da lavoro per 2h seduta sulle scale del pianerottolo pur di non avvicinarmi a quel mostro ( che era ben più piccolo e meno spaventoso di questo). Insomma: si fà di necessità virtù… e messi alle strette troviamo forza e coraggio di far tutto!

      Mi piace

    • Ahahahah un annetto fa… ho convissuto con uno scarafaccio per 3 giorni. Era diventato il padrone indiscusso della casa.. se lui occupava la cucina io cambiavo stanza… poi se lui veniva prepotente dove stavo io, sottomessa gli cedevo anche quella. Infine al terzo giorno ho deciso di ribellarmi , mi sono fatta coraggio, mi sono ammutinata l’ho imprigionato e poi l’ho buttato giù dal balcone… Tu non ci crederai ma 2 giorni dopo avevo un altro scarafaggio simile a lui che mi girarava di nuovo per casa (o forse era proprio lui?). Lo avevo chiamato Big Ben.

      Mi piace

    • Sì sono pure parecchio bruttini… in Italia ero abituata ai ragni campagnoli: quelli corpicino piccolo e zampe lunghe e sottili ma questi hanno sei bei corpi massicci e zampotte nodose e pelose, ed occhietti neri… non li ammazzo mai (non ammazzo mai nemmeno le zanzare se riesco) però questi non ti verrebbe proprio mai di spiaccicarli considerato che ti sembrerebbe di commettere un omicidio! Ahahha la cuffia ti giuro che la prima cosa che ho pensato è stata: e se mi finisce nei capelli?!?!?! (Che poi come non so.. considerato che questi non sono nemmeno i ragni che saltano e lui era quasi a terra) ma… hai presente che nell’altro post si parlava dei traumi che ci insillano da bambini? Ecco questo è un altro terrore che devo a quella signora ! XD

      Piace a 1 persona

  5. Ahahah! Mi sono rivista in situazioni simili. Riesco ad essere coraggiosa soltanto quando sono da sola e non ho mio marito che possa accorrere. Lui non uccide mai gli insetti…ma li accompagna fuori. Comunque quando ritiro il bucato, sbatto ogni indumento ben ben sperando che un eventuale ospite indesiderato decida di volare via 😉

    Piace a 1 persona

    • Anche io preferisco non ucciderli (specialmente perchè questi sono talmente grossi che davvero mi sembrerebbe di commettere un omicidio) ma dopo l’avventura con la falena, sta volta, li ho pure sbattuti ma… evidentemente questo era troppo tenace e voleva proprio entrar! Mi sa, mi sa…che tornerò all’asciugatrice perchè un altro colpo al cuore così non so se lo posso sopportare! 😂😂

      Piace a 1 persona

  6. Ahahah quanto ti capisco. Qualche tempo fa ero con dei bambini che a un certo punto hanno visto un ragno e si sono spaventati.. e volevano che lo cacciassi io… è stato difficilissimo fingermi una persona adulta e portarlo fuori!

    Mi piace

  7. In effetti i ragni possono essere molto pericolosi, forse piú delle falene.
    Però dovresti liberarlo da qualche parte, perché anche se probabilmente un po’ d’aria passa, dubito passino molto insetti per farlo mangiare.
    Puoi sempre decidere di ucciderlo eh, ma non lo direi pubblicamente per non fare arrabbiare tutti gli animalisti del mondo.

    Mi piace

  8. Ciao, Judith, mi piace il tuo blog, hai un bellissimo spirito. Mia figlia minore vive e lavora in Inghilterra e il suo ragazzo inglese ha una zia materna che ha vissuto in Australia. Lui con le sorelle andarono qualche volta a trovarla e c’era il problema della lotta con i ragni, mi diceva. Non sono mai stato in questo grande paese però la mia amatissima maestra di pianoforte era un’irlandese di Perth.

    Mi piace

    • Aaah sì l’Australia è uno dei posti al mondo con la più alta concentrazione di animali letali… e qualche ragnetto terrificante e velenoso io, pur abitando in piena città, l’ho già incontrato (per fortuna non troppo da vicino!). Grazie mille e benvenuto allora 😀

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...