L’abbraccio {del seprente}

{Huston abbiamo un problema}

-Salve dottore, scusi se la chiamo a quest’ora ma sono davvero disperata, spero che lei possa aiutarmi…

-Signora, si calmi. Innanzitutto mi spieghi qual è il problema.

-Sono 4 settimane che Huston non mangia. Ho provato di tutto ma niente…

-Huston sarebbe il suo cane?

-No, è il mio Boa.

-Ah un Boa… guardi non sono specializzato in animali esotici ma vedrò di fare del mio meglio. Le fisso un appuntamento per domani in studio e diamo un’occhiata al suo Huston, okay?

[Il giorno dopo]

Ah eccola signora! Ammetto che oggi ero proprio impaziente di incontrare lei e Huston. Sa i boa o in generale i serpenti non sono animali da compagnia così comuni! Pensi che esercito da 8 anni e in tutta la carriera me ne saranno capitati 4 al massimo.

Eh dottore, l’ignoranza! Le persone preferiscono i gatti o i cani perchè dicono siano più affettuosi. Ma non è vero. Huston con me è affettuosissimo. E poi è intelligente sa! Io credo proprio che abbia persino capito come si chiami! Pensi che talvolta lo chiamo per nome e si gira!

Signora… questo pare molto grazioso…ma è improbabile, i serpenti sono privi della membrana uditiva. Percepiscono le vibrazioni tramite terminazioni nervose che passano dalla mandibola a.. sì be diciamo l’orecchio…ma in realtà sono parzialmente sordi. Ed in ogni caso visto il livello di sviluppo del cervello di un reptilia è improbabile che Huston sia sufficientemente evoluto da avere consapevolezza di se o del proprio nome.

Oh no, no dottore… lei si sbaglia, è prevenuto! Lo dice perchè non ci ha mai convissuto…ma mi creda.. io parlo così perchè ho visto quel che ho visto. Un conto è studiare un animale sui libri e vederlo così dieci minuti in ambulatorio… ma viverli è tutta un’altra storia…

Okay signora, è come dice lei…ma si ricordi solo che sono animali che hanno una natura particolare…agiscono secondo una logica interna differente rispetto a quella che può essere tipica dei mammiferi che ad esempio sono soliti accudire la prole…quindi spesso è semplice attribuire loro stati che in realtà non gli sono propri…comunque dai….diamo un’occhiata al nostro Huston!

*la signora tira fuori da uno scatolone di cartone un Boa Constrictor di almeno 4metri*

-accidenti. Me lo ero figurato più piccolo… quanti anni ha?

-Ha 13 anni e mezzo.

-Beh i boa in cattività vivono sino a 20-30’anni. Quindi data l’inappetenza possiamo escludere tutte le complicazioni legate alla vecchiaia..il suo è senza dubbio maturo ma non ancora anziano. Ha avuto altri problemi d’alimentazione o complicazioni d’altro genere prima d’ora?

-No dottore, guardi sino ad un mese fa mangiava tranquillamente. Io una volta ogni 2 giorni passavo dal negozio d’ animali e gli prendevo una cavia fresca. Sa non ha mai accettato di mangiare i surrogati il mio piccolo Huston. Solo prede vive. E non ha idea di Quanto mi costi… ma vale ogni centesimo, sa? Poi ormai è diventato uno di famiglia. Si è proprio affezionato a me. Ed io beh…io penso che ormai dopo 13’anni insieme non riuscirei più a dormire senza sentirlo accanto…siamo praticamente in simbiosi

-Aspetti un secondo…forse ho capito male….intende dire che dorme con il serpente? Non lo tiene nel terraio?

-Ma che è pazzo? No, no.. Huston è abituato a girare libero per casa da quando è piccolo. Poi non so aveva forse 5 anni più o meno e… una notte è venuto nel letto con me, mi si è arrotolato addosso e da allora abbiamo iniziato a dormire insieme. Doveva vedere come era dolce… mi si arrotolava attorno, mi abbracciava… e così è diventata un’abitudine per entrambi.

-Signorina.. io non vorrei sembrarle brutale. Non vorrei proprio essere io a dirglielo… ma penso di aver capito come mai il suo boa ha smesso di nutrirsi. Innanzitutto deve sapere, come ho cercato di spiegarle poc’anzi, che nei rettili e negli anfibi mancano tutti quei comportamenti legati al “prendersi cura dell’altro”, non è un discorso di “cattiveria” ma di struttura cereblare e differenti meccanirmi evolutivi. Tutto qua. Se ad esempio lei vede un sauro che lecca un altro sauro, da mammifero empatico quale è magari magari crederà di poter attribuire all’animale un “sentimento” d’affetto… laddove in realtà per un sauro il leccare è sinonimo di testare lo status riproduttivo del potenziale partner. Questo per dire… che quelli di Huston non sono esattamente abbracci come vorrebbe intenderli lei. Io le chiamarei piuttosto “prove”. È un comportamento tipico della categoria constriptor. Sono infatti 8 anni e mezzo…. che Huston segretamente la sta misurando e credo proprio che da circa un mesetto il suo Boa si sia reso conto di essere sufficientemente grande per… insomma… per prepararsi al grande banchetto… in cui lei secondo le intenzioni di Huston dovrebbe diventare la portata principale.

[Dottore mi aiuti, il serpente non {MI} mangia]

{Morale: puoi provare a cambiare le cose, ma non puoi cambiare la natura delle cose}

Annunci

20 pensieri su “L’abbraccio {del seprente}

  1. La stessa cosa è successa ad un ragazzo che conosco. Non aveva il boa ma un serpente ugualmente grandetto.

    Questo serpente lo lasciava girare tranquillamente per casa insieme a pipistrelli, lucertole e altri rettili vari e la notte andava in camera sua e stava attorcigliato su se stesso in un angolo.

    Poi un giorno se lo è ritrovato bello dritto accanto al suo letto e ha fatto così per qualche giorno fino a quando lui, preoccupato per questo strano comportamento, chiama il veterinario per vedere se non si fosse ammalato.

    Il veterinario, dopo aver visto il serpente e sentito cosa faceva, gli ha detto chiaro e tondo di ammazzarlo perché gli stava prendendo le misure per mangiarlo. E alla fine a malincuore ha dovuto farlo.

    Piace a 1 persona

    • Si si ci credo! Infatti sebbene i dialoghi me li sia inventati do sana pianta, lo spunto narrativo parte proprio da un fatto di cronaca. In realtà inizialmente pensavo più si trattasse di una leggenda metropolitana tanto mi era parsa inquietante. La cosa mi ha affascinata e ho iniziato a leggere informazioni sui serpenti e sui Boa e ho scoperto che non sono affatto casi isolati. Poi mi è venuto da scriverci un racconto anche perchè ci ho visto una interessante morale di fondo

      Piace a 1 persona

      • E hai fatto benissimo. La morale finale poi è molto bella perché vera: non si può cambiare la natura delle cose (o delle persone, degli animali, ecc.) basandola sulle nostre percezioni/volontà.

        Mi è piaciuto il tutto 🙂

        Piace a 1 persona

  2. Grazie per averci risparmiato la metafora freudiana XD
    Direi che Huston ha mostrato un livello d’intelligenza superiore a quello di tanti bipedi umani.

    Mi piace

  3. Questo credo che sia il problema di molte persone le quali sia che abbiano prole e sia che abbiano animali li trattano in un modo a dir poco fantasioso. In entrambi i casi “forzano” l’altro ad avere un atteggiamento conforme a ciò che essi vogliono/desiderano.

    Mi piace

    • Sono quelli che non riconoscono differenze gerarchiche fra umani e bestie e quindi le bestie si adeguano: li trattano come bestie. Giustamente.
      Ho visto un video con una serie di persone che “presentavano” il figlio neonato all’animale di casa – cane o gatto – dicendo cose come “look at her, it’s your little sister”. Raccapricciante.

      Mi piace

      • E sono gli stessi che vanno in giro coi cani col cappottino! Sicuramente sarebbe necessaria anche una educazione alla conoscenza degli animali e poi andrebbe anche capito che un conto è avere per casa specie che già evolutivamente parlando si sono adattate alla cattività e ben altro conto pensare di avere un coccodrillo in soggiorno o uno squalo nella vasca da bagno!

        Mi piace

      • Adattati alla cattività sì; alla logica umana a discapito della propria no, basti pensare ai casi in cui un banale gesto di un bambino viene interpretato come aggressivo e il cane, magari proprio quello di casa, lo azzanna a morte.
        Oltre al cappottino ci sono quelli che quando arriva l’estate li rasano a zero, esponendoli – privi della loro protezione naturale – a terribili ustioni.

        Mi piace

  4. Storia simpatica e inquietante al contempo! Mi piace molto la morale finale 😄 Brava, bel racconto! Ti segnalo solo nel titolo un errore di battitura avendo scritto “seprente” al posto di “serpente”. Ci sono altri piccoli errori simili nel testo ma non voglio sembrare inopportuna (e rompiballe 😅).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...